Ultima modifica: 3 Dicembre 2020

circolare n. 73 assenze del personale

assenze del personale
Fermo restando quanto previsto dal CCNL 2006-2009, al fine di contemperare le norme
contrattuali con le esigenze organizzative, si forniscono le indicazioni a cui i dipendenti devono
attenersi per la presentazione delle relative comunicazioni e/o istanze.
ASSENZE PER MALATTIA. Il dipendente, salvo comprovato impedimento, è tenuto a comunicare
l’assenza tempestivamente (max 10 minuti prima dell’inizio dell’attività lavorativa) presso gli uffici
amministrativi per gli atti di competenza. Tale comunicazione va fatta anche al fiduciario del
plesso di servizio al fine di approntare le sostituzioni e/o rimodulare l’orario delle attività
didattiche.
Quindi le assenze vanno comunicate telefonicamente all’ufficio di segreteria tel. 091 541217
entro l’orario di inizio del proprio servizio, mentre la richiesta di assenza e l’idonea
documentazione giustificativa vanno inviate tramite mail all’indirizzo PAIC8A8003@istruzione.it
MODALITÀ DI RICHIESTA DI FERIE E PERMESSI. Per motivi organizzativo-gestionali è necessario
inoltrare la richiesta almeno tre giorni prima, fatta salva l’urgenza da documentare debitamente
(con specifica dichiarazione o con certificazione adeguata).
PERMESSI BREVI (CCNL 2006-09 art.16) sono attribuiti compatibilmente con le esigenze di
servizio, per esigenze personali. Entro i due mesi lavorativi successivi a quello della fruizione del
permesso, il dipendente è tenuto a recuperare le ore non lavorate in una o più soluzioni in
relazione alle esigenze di servizio e a discrezione dell’amministrazione.
PERMESSI LEGGE 104/1992. Il personale beneficiario dei permessi previsti dalla Legge 104/92,
deve concordare col Dirigente scolastico la fruizione dei permessi, al fine di contemperate le
esigenze di organizzazione del lavoro con il diritto ai permessi derivanti dall’articolo 33 della Legge
104/1992.
Inoltre, come previsto dal CCNL all’art 15 comma 6, i permessi di cui all’art. 33 comma 3 della
legge 5 febbraio 1992, n. 104 devono essere possibilmente fruiti in giornate non ricorrenti.
Per quanto sopra, il richiedente dovrà comunicare mensilmente al D.S. le date in cui fruirà dei
permessi, salvo necessità debitamente documentate, per consentire l’organizzazione dei servizi e
per limitare le ricadute negative derivanti dall’assenza.
Per i mesi successivi il piano dei permessi dovrà essere presentato entro la fine del mese
precedente.